Rula Jebreal nell’occhio di un ciclone forse voluto anche da lei stessa per alimentare ulteriormente la sua gia’ altissima autostima e per essere citata nei tabloid in vista di Sanremo dove sara’ protagonista retribuita. Penso che potrebbe essere cosi, poi magari mi sbaglio non conoscendola di persona. 

Guardando il suo curriculum, che non mi pare niente di che, mi viene da pensarlo. Una donna di famiglia palestinese normale,certamente sveglia, che pero’ si e’ sposata molto bene con un banchiere americano  e che senza quello non credo sarebbe  entrata nel jet set internazionale a cui oggi si fregia di appartenere con una certa supponenza.

Quante giornaliste brave ci sono, che han fatto gavetta e han lavorato duramente ma non sono cosi arroganti e non fanno parte di quel peloso establishment che si considera superiore? certamente tante e molte non han preso scorciatoie. Forse perche’ non eran fighe come Rula? Si, perche’ la vera dote di Rula e’ proprio quella di essere una gran figa, e’ innegabile.

Che ringrazi la natura che l’ha cosi dotata  fisicamente, quando si ha quella fortuna il profilo intellettivo puo’ anche essere marginale e puo’ bastare la determinazione e l’ astuzia Sara’ considerata la mia una visione sessista che mi esporra’ a critiche ma purtroppo e’ un dato di fatto che vale pero’ sia per le donne che per gli uomini: essere belli nel mondo della comunicazione conta.

Eh si cara Rula se fossi stata un cesso li non ci arrivavi…

Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.