Anche i disturbi gastrici aumentano, siamo un popolo di sofferenti di stomaco e ci credo!gia’ le tante situazioni che la vita ci propone sono difficili da mandare giu’, figuriamoci poi con i ritmi che abbiamo e con le problematiche ostative perpetuate e continue da affrontare insieme ai cibi che assumiamo e che l’industria alimentare ci propone a iosa.

Penso che al giorno d’oggi i valori piu’ importanti siano divenuti il tempo per noi stessi e la serenita’ ma purtroppo sono inconciliabili con l’attuale sistema generale.

Spero che le nuove generazioni riescano a comprendere di piu’ le priorita’ dell’essere umano sovvertendo certe logiche ma non facendosi soverchiare dal lassismo che puo’ risultare estremamente dannoso. Dovrebbero orientare le loro vite alla creazione, all’arte e alla cultura anche solo come passione; da sempre questi elementi sono utili a calmierare gli stress e a far vedere le cose in modo diverso.

Contestualmente pero’ dovrebbero essere consapevoli del fatto che il lavoro è fondamentale per la sopravvivenza sia economica che mentale. Uno stile di vita che nobiliti le inclinazioni temperamentali insieme alla consapevolezza di dover introitare un reddito grazie alle opportunita’ del mercato potrebbe rappresentare quel giusto mix in grado di alleviarci da una sintomatologia che grava pesantemente sull’organismo.

Difficile da farsi pero’, le contingenze spesso annichiliscono i propositi seppure sia convinto che molto dipenda dal soggettivo carico di aspettative e da un sostrato consolidato di visione che abbiamo assimilato e che andrebbe sovvertito. Liberarsi da questi fattori condizionanti libererebbe piu’ facilmente l’organismo dalle proteine che rilasciano gli acidi e ci costringono all’assunzione degli inibitori di pompa protonica.

Posted by:Sandro Geromin

Commenta: