In linea di massima tutti teniamo alla nostra salute ma un po’ temiamo il responso di esami e delle visite specialistiche. Siamo poi reticenti ad appuntamenti con tempi di attesa biblici nelle strutture sanitarie pubbliche e detestiamo quelle esose seppure piu’ veloci che possiamo ottenere nel privato.

Quando ci sono in ballo delle operazioni poi  che dire dell’ ansia che proviamo nel periodo che le precede? e tutto il trigo del ricovero?

L’intelligenza artificiale segnerà la prossima rivoluzione in campo medico: contribuirà ad anticipare e migliorare la diagnosi di malattie e permetterà di curare sempre meglio i pazienti.

Penso che fra qualche decennio sara’ addirittura possibile disporre in casa di evoluti sistemi per l’ autodiagnosi magari collegati in remoto con lo specialista il quale ci visitera’ seduto alla sua scrivania a centinaia di chilometri di distanza da noi e per certe cose potra’ magari pure operarci.

Nasceranno strumentazioni magari ottenibili con noleggio a lungo termine che permetteranno ad un nucleo familiare di evitare code alle Asl o dal medico di famiglia o dallo specialista.

Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.