Questo gennaio doveva essere un mese infuocato per il governo, era tutto gia’ scritto, ma l’eccessiva enfasi che cio’ produceva in termini di rischio essendo l’agenda assai fitta e perigliosa fa  riflettere  durante le feste Premier e Ministri.

Quindi si  convincono a fermare tutto in modo da non alimentare i focolai.

Gennaio verra’ anestetizzato e spostato a febbraio; gennaio diventa un mese sabbatico per il governo Conte che a dirla tutta, se non fosse un dramma cio’ che sta succedendo in medio oriente, ha avuto il culo di trovarsi i media intasati dalle vicende di guerra e il suo ministro degli esteri ampiamente assente giustificato per quegli eventi. Eh si tanto si sa che prendere decisioni condivise sui tanti aspetti sul piatto era opera ciclopica e poi il 26 finalmente si sapra’ se Salvini ce l’avra’ fatta o no in Emilia. Il ministro degli Esteri poi stava collassando insieme al suo movimento e preferisce di gran lunga traferirsi in un teatro di guerra ben scortato piuttosto di stare qui a prendersi schiaffoni da tutte le parti.

E pure lui ha avuto culo, infatti e’ riuscito a  farsi una vacanza in Spagna per distrarsi e recuperare energie proprio quando scoppiava la crisi.

Purtroppo queste fortune circostanziali non rappresentano una furtuna per il nostro paese che e’ oppresso ed ingessato e andrebbe urgentemente liberato da questo governo di incapaci opportunisti. Ma non te lo lasciano fare proprio perche’ in fondo un’ abilita’ ce l’hanno ed e’ quella di autoconservarsi usando qualsiasi mezzo, anche le tragedie umanitarie che non ci riguardano direttamente.

Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.