Faro’ un elenco di quanto mi ricordo stia evvenendo in questo periodo relativamente ad aspetti economico-sociali di stampo negativo (aspetti positivi sgnificativi purtroppo non ne vedo).

Crisi industriali grandi ed infinite, aziende che scappano all’estero, Governo Europeo che si arrocca a difesa di un sistema che ci ha distrutti, Brexit confermata che creera’ un effetto domino, Governo italiano diviso su tutto che sta in piedi solo per garantire poltrone, crisi bancaria, enorme crisi di luquidita’ nel sistemaeconomico, provvedimento sul reddito di cittadinanza che non genera alcun posto di lavoro, provvedimenti sulla stabilizazione del lavoro a tempo indeterminato che bloccano le poche assunzioni, impossibilita’ del mercato del lavoro a reperire professioni richieste, fisco che si accanisce sul recupero fiscale di crediti non sostenibili da imprese alla canna del gas, rilancio della cultura e del turismo inesistente, aumento delle accise sui carburanti e aumento dei costi dell’ energia, provvedimenti fiscali che affossano i pochi comparti virtuosi, regole che mettono sempre piu’ in difficolta’ il mondo delle professioni, nuove norme nella giustizia che renderanno tutti colpevoli a vita, magistratura che e’ reattiva solo quando interviene in favore di una parte politica, miliardi pubblici destinati alle infrastrutture bloccati dalla corte dei conti, crescita esponenziale della criminalita’ organizzata, mercato dell’ edilizia e immobiliare in caduta libera…

avro’ certamente dimenticato qualcosa mentre nel frattempo i giovani studenti non san piu’ leggere e si trombano le ascelle…mentre le SARDINE invadono le piazze senza fornire alcuna risposta a tutto questo ma vaneggiando di inclusione.

Ma quale inclusione se siam messi cosi!

L’ unica prospettiva e’ quella di elezioni subito auspicando un risultato come quello della Gran Bretagna che ci rimetta all’onor del mondo, altro non vedo.

Il fuoco cova sotto la cenere, e’ ora di passare dalle parole ai fatti, prendiamoci ancora queste feste per riflettere godendo del silenzio

All I ever wanted all I ever needed is here in my arms words are very unnecessary they can only do harm

Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.