Che schifo, la situazione e’ aberrante, il sistema attuale è inutile, dannoso, vergognoso……….

Da dove incominciare? mha, visto che siamo nel caos va bene qualsiasi cosa
Partiamo da un presupposto che perlomeno puo’ confortarci e inorgoglirci: “ l’Italia vanta la più alta ricchezza netta. I dati indicano come, sommando la voce ” attività finanziarie”, “attività reali” (vale a dire gli immobili) e “passività finanziarie”, le famiglie italiane abbiano una ricchezza netta pari all’853% rispetto al reddito disponibile. E questo perché circa il 70% della ricchezza netta delle famiglie italiane è detenuto in attività reali e solo il restante 30% in asset finanziari.

In terza posizione si attesta la Francia, dopo l’Inghilterra. Molto più indietro il Giappone, la Germania e soprattutto Canada e Stati Uniti”. Per contro l’elenco di tutto cio’ di pessimo che ci riguarda è abnorme, lunghissimo da elencare ed è ascrivibile ad un caos negativo che non ha eguali in alcun paese civilizzato.

Parliamo di politica? bhe ci cadon le braccia se pensiamo alla nostra classe dirigente in stragrande maggioranza inetta, opportunista, strapagata, inefficiente, incapace…la ciliegina sulla torta è ora rappresentata da quel movimento che doveva dare una svolta proprio a determinati presupposti negativi già palesi e che invece si è dimostrato la peggiore manifestazione possibile al governo di un paese.

La piu’ grande presa per i fondelli mai perpretata ai danni di un popolo in cui vigeva ancora un impèto democratico.

Un’altra grande presa per i fondelli accorsa al popolo italiano è rappresentata da come siamo stati contestualizzati in ambito europeo da un regime in cui noi siamo solo delle comparse da vessare e da scannare ad uso e consumo di quei paesi che sono stati abili a tenere il boccino in mano grazie anche alla complicità di quei nostri rappresentanti che per vanagloria e per prebende personali acquisite lo hanno assecondato.

Ma perché questa sorte è toccata a noi? non ci vuol molto a capirlo visto che lo abbiamo detto all’inizio chi siamo, nel presupposto iniziale. Eh l’invidia è una brutta bestia, belli, famosi e pure ricchi ma incapaci a gestirci.

D’altra parte prendiamo ad esempio una donna bellissima : un’attrice, una cantante famosa che grazie ai suoi requisiti diviene anche ricca …se costei non ha doti amministrative e manageriali si affida per questi aspetti ad un manager senza scrupoli e opportunista e dove finisce? sul lastrico! Ecco noi
siamo stati messi così; ci abbiamo messo anche del nostro, con il nostro individualismo e opportunismo endogeno, incapaci di fare squadra e bravi solo a proteggere il nostro orticello personale, siamo stati colpiti da utili idioti e siam qui che arranchiamo, protestiamo, peniamo, senza riuscire a canalizzare tutti insieme la rabbia che coviamo per sovvertire la cappa che ci affligge.

Proprio perchè siam troppo bravi a difendere singolarmente il nostro orticello ci han riempiti di burocrazia, di leggi, di regole, di tasse.

Nonostante tutto il nostro orticello sopravvive anche se i suoi confini si restringono sempre di più ma facciamo una vita di merda, complicata, osteggiata, vessata, con sempre meno prospettive…

Eh si la storia si ripete dopo circa 1500 anni ,l’impero romano cadde allora, vediamo come: A Roma iniziò una lunga fase di decadenza a prescindere dal suo ruolo o meno di capitale perchè si trovò a fronteggiare la continua penetrazione di popolazioni barbariche (ah ah ah). A Roma c’era il Senato, l’antica istituzione repubblicana, che tuttavia, già reso pressoché privo di potere da secoli, venne ulteriormente esautorato anche perchè inconcludente (ah ah ah)

L’Impero di Occidente viveva ormai una crisi irreparabile. Roma fu saccheggiata dai Goti nel 410, ed in seguito dagli Unni di Attila a metà del V secolo, durante il quale si susseguirono (ah ah ah).

La fine fu relativamente silenziosa e indolore: nel 476 il generale Sciro Odoacre depose l’ultimo imperatore: Romolo, detto Augustolo.

Le insegne imperiali di Roma vennero spedite in Oriente e raccolte dall’imperatore Zenone, imperatore d’Oriente, mentre Odoacre veniva proclamato re delle popolazioni barbariche d’Italia.

Tra le cause della caduta dell’Impero Romano d’Occidente ci furono anche problemi di integrazione (ah ah ah ): se ai tempi della Repubblica e nei primi anni dell’Impero i territori conquistati erano stati romanizzati con efficacia, più avanti, tra III e IV secolo, nel sistema militare romano aumentò sempre di più la presenza di guerrieri germanici che non
avevano pienamente assorbito la cultura e i valori di Roma (ah ah ah), e che erano ben più fedeli ai propri comandanti, con cui condividevano legami personali e tribali, ed al denaro che ricevevano da Roma, che allo Stato stesso. (ah ah ah)

Che dire, questa è storia confermata… probabilmente tutto quel che ci accade dipende dal nostro DNA che riflette le nostre scelte e le nostre azioni, ci tocca accettarlo.

Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.