E’ la liquefazione di quel che si riteneva solido, la vicenda che riguarda lo sciogliersi di un movimento che doveva sovvertire tutti i parametri della vecchia politica se andava al governo e aprire il parlamento come una scatola di sardine (o di tonno poco importa), eliminare i privilegi e l’attaccamento alle poltrone.

Molti italiani, consci delle vicende intercorse al riguardo, si contorcono in preda ad un riso isterico ripensando ai Vaffa day di Grillo, ai proclami di Di Maio che, abbandonando il vertice del movimento a tre giorni dalle forse piu’ significative elezioni dell’ultimo ventennio che produrranno un risultato per il suo movimento a dir poco imbarazzante, si crogiola di risultati ottenuti grazie a lui (?) in venti mesi di governo.

Il Di Maio che si è sempre proclamato onesto nonostante i dubbi sulle rendicontazioni e la pendenza di una vicenda come quella che lo vede intestatario di un conto milionario a suo nome in cui vengono versati i contributi dei suoi colleghi parlamentari eletti.
Il Di Maio che magari è in grado di dimostrare di restituire circa 3000 euro al mese del suo stipendio che pero’ da ministro degli esteri si attesta sui 17000 a cui vanno aggiunti i costi spaventosi di uno staff che lo supporta per sopperire alle sue incompetenze e al fatto che non sia in grado di suo di parlare altre lingue se non un italiano per giunta stentato.

Non si puo’ che ridere istericamente valutando tutto questo e ancor piu’ ci sara’ da ridere quando vedremo le evoluzioni che si produrranno con gli Stati Generali del movimento che potrebbero venir preceduti da faide per la conservazione o la ricerca di un potere da parte di nuovi protagonisti che si affacciano sulla scena.

Gia’ riscontriamo che il nuovo capo Pro tempore Vito Crimi si sente un Leader potente e illuminato, mentre la borgatara Taverna inizia a farsi largo fra i pretendenti rivendicando un ruolo di primo piano magari da futuro capo politico.

La Taverna, quella che faceva dei comizi in cui urlava contro il Pd definendolo il peggio del peggio e a cui ora si aggrappa con le unghie e con i denti.

Purtroppo tutto questo è reale e non surreale !

spero tanto per noi italiani e anche per i militanti di quel movimento che una enorme risata isterica lo seppellisca definitivamente.

Posted by:Sandro Geromin

Commenta: