Mancano idee nuove nella cinematografia.

Nel panorama cinematografico italiano, da diversi decenni, non si produce qualcosa di nuovo e di originale.

Un Checco Zalone ogni due- tre anni fa il pieno al botteghino e per carita’ le sue proposte e’ fuor di dubbio che siano divertenti; ma funzionano perche’ lui sa essere personaggio e non perche’ abbia inventato un genere…Manca una nuova proposta, un nuovo genere.

Ho parlato dell’Italia che cinematograficamente e’ marginale da decenni ma a ben vedere a livello globale vedo comunque ben poco.

I David Lynch, i Tarantino, che  piu’ di vent’ anni fa avevano inventato dei generi sono oramai in esaurimento creativo, si ritirano o giungono a fine carriera senza verve. E’ naturale! la dirompenza, la trasgressione, l’anticonformismo sono tutte doti che un creatore esprime in gioventu’ e che si esauriscono dopo anni di successo che ti plasmano alla aristocratica merce’ della beata realizzazione personale.

Manca una nuova generazione di emergenti creativi nell’ arte, nella cultura e anche nel cinema.

Siamo ostaggio di vecchie cariatidi che ripropongono schemi triti e ritriti e che non si schiodano perche’ non sussiste una vera alternativa.

Giovani virtuosi, se ci siete, battete un colpo!
Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.