sono stato molto appassionato di motori, moto e automobili, ma da un po’ di anni questa passione e’ scemata anche per carenza di stimoli. Lasciando da parte le riflessioni su supercar e modelli esclusivi che mi suscitano sempre interesse seppure siano sogni irraggiungibili e scendendo quindi  nei gradini inferiori, vedo le auto premium di oggi  monopolio dell’ industria tedesca sostanzialnente perfette; difficile trovar loro difetti, al massimo si puo’ ragionar di stile, aspetto puramente personale. Declinate in una infinita’ di versioni e personalizzabili con una moltitudine di optionals le puoi avere come desideri o in funzione del tuo budget. Le guidi e scopri che hanno eccellenti prestazioni, una tenuta di strada ineccepibile, sono sicure e confortevoli, non scricchiolano per niente.

Niente da dire son stati fatti passi avanti ragguardevoli, gli han fatti i tedeschi salvo qualche raro caso, chapeau.

I tedeschi che negli anni 70 avevano le Bmw 2002 chiamate le bare che se ci beccavi una pozzanghera facevano due testa coda quando le nostre Alfetta erano inchiodate al suolo e ci facevi i sovrasterzi di potenza solo se lo volevi tu. Poi c’erano le mercedes 200, comode ma che puzzavano di nafta e non andavano avanti mentre noi avevamo le 132, ancora piu’ confortevoli ma soprattutto piu’ prestazionali. E le audi 100 prime serie che scatoloni erano? avevano gia’ delle innovazioni come i motori a iniezione a 5 cilindri ma noi avevamo le lancia Gamma! Poco dopo quegli anni 70 i tedeschi li spianammo con le Thema e le 164 e poi…poi stop.

Bmw, Mercedes e Audi iniziarono a uscire con modelli esteticamente accattivanti, che tenevano di piu’ la strada con motori evoluti e potenti. La nostra industria automobilistica non stette al passo perche’ fu presa dalla deriva della finanza, inizio’ a partorire aborti, si arrese a nuove sfide.

Loro no, i tedeschi dedicati alla finanza furono piu’ bravi e si presero l’Europa costruendola per loro e i tedeschi bravi a fare auto si presero l’industria automobilistica d’eccellenza. Noi non sapemmo fare ne’ una cosa e ne’ l’ altra.

Tra un po’ vi saranno solo piu’ auto elettriche, cala il sipario sul motore a scoppio e sulla meccanica tradizionale, finisce un’ era, inizia quella delle batterie cinesi ma i tedeschi rimarranno protagonisti nelle categorie premium. Noi faremo delle Alfa elettriche, forse, che nonostante anche dei buoni sforzi nello stile e nella qualita’ rimarranno sempre indietro e di sicuro non si riprenderanno quel mercato.

Vabbe’ e’ andata cosi, peccato, mi consolero’ facendo degli appaganti  controsterzo in cortile con l’ Alfa 2000 del 74 color prugna; I cinesi non capiscono un cazzo di auto,

CHE SI FOTTANO!

Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.