Cosa ne pensate del processo radicale di cambiamento sull’ energia?

non mi riferisco solo a questo fattore in quanto determinato dagli aspetti climatici, dall’ inquinamento e da logiche industriali progressiste.

Su questi aspetti sussiste ampia lettura e anche io ci ho messo del mio in piu’ occasioni e va di fatto che ognuno di noi abbia in tal senso una legittima opinione individuale.

Per gli aspetti pratici che cio’ comporta: cambiamenti di abitudini, fattori che implicano un impegno diverso dalla consuetudine e che hanno implicazioni nello stile di vita, come la mettiamo?
  • L’ auto da mettere in carica tutte le sere in garage ( e bisogna averlo il garage se non vuoi far la fila e attendere alle colonnine).
  • Le bollette della luce ancora piu’ salate in cui si celera’ inevitabilmente una fregatura seppure risparmieremo sul carburante.
  • Le integrazioni domotiche che agevoleranno il nostro comfort ma diverranno inevitabili da sostenere, problematiche da gestire e richiederanno esborsi non indifferenti.
  • Il fatto che quando si parla di energia elettrica il connubio col digitale si intensifica portando con se’ la concausa di essere sempre piu’ tracciati, monitorati, soppesati.
  • Il fattore inquinamento da onde elettromagnetiche che subira’ un’ uteriore impennata dopo quella provocata dall’ uso massiccio dello smartphone e del wi fi seppure ne avremo meno diquello da polveri sottili.

Il bilancio futuro di questa epocale conversione sara’ positivo o negativo?

Possiamo pensare o sperare che lo sara’ considerando che l’ energia primaria sara’ sempre principalmente prodotta da combustibili fossili che inquinano? Che le batterie necessitano di minerali rari sottratti all’ecosistema da tanti poveracci sfruttati nelle miniere che daranno la propria vita per questo?

Mha, io sono piuttosto convinto che sara’ un grosso affare per pochi e che non ne avremo collettivamente grandi benefici, ne’ ecologici e ne’ economici, con l’ aggravante di essere sempre meno liberi, piu’ schiavi del sistema.
Posted by:Sandro Geromin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.